La città d’oro

La città d'oro

1508, anno del Signore.

Nella Firenze prostrata da un morbo misterioso che falcia vittime e non concede tregua, quale segreto custodiscono Niccolò Machiavelli e il suo misterioso visitatore notturno? Fin dove può portare la fatale attrazione fra un uomo e una donna, avversari e amanti in una missione impossibile per conto della Repubblica? E ancora, cosa si nasconde nell’inesplorato Mondo Nuovo, oltre il mondo allora conosciuto? La città d’oro è un romanzo a tante facce: una storia di avventura, un intrigo internazionale, la caccia a un tesoro remoto e senza prezzo, da Firenze a Siviglia e alle Indie Occidentali. Una struggente storia d’amore fra chi pensava di aver consumato il cuore e per caso riscopre la passione e il fuoco dei sensi. Fino a una sorpresa sconvolgente, nell’alba livida della Firenze rinascimentale, che ricuce tutti i fili della narrazione.

La Città d’Oro di Leonardo Gori è il nuovo capolavoro del grande maestro del thriller storico. È una storia ricca, cruenta, affascinante, piena di suspense, personaggi vividi, scenari evocativi. Mi ha tenuto sveglio fino all’alba. Un romanzo meraviglioso!

– Douglas Preston, coautore della serie bestseller di Pendergast

Un autentico capolavoro della suspense del grande Leonardo Gori

– Marco Vichi

Altro non so. Ma per iniziare il tuo cammino, ti saranno di grande aiuto le arti che hai imparato in queste settimane. Quel libro» mugolò il vecchio «contiene un segreto. Il Segretario, il tuo Machiavelli, è convinto che possa portare vantaggio a se stesso e alla Repubblica. Illuso! Ma se risponde a verità, ciò che ho intravisto fra le carte che gli stolti della tua Signoria mi hanno permesso di sfogliare, le sue pagine custodiscono qualcosa di molto più importante: l’origine prima del mondo, la purezza.

Rispondi